Castellammare: operai della nettezza urbana in agitazione

Pomeriggio di protesta per gli ex operai della Buttol, l’azienda che si è occupata fino a Gennaio scorso del servizio igienico stradale di Castellammare, sostituita successivamente dall’ Am Technology-Igiene Urbana. La questione è sorta fra gli operai e l’ex azienda poiché quest’ultima aveva proposto ai suoi dipendenti di accettare lo stipendio solo dell’ultimo mese di lavoro rinunciando a tutti gli arretrati. Questo accordo è stato accettato solo da 84 addetti alla pulizia, mentre i restanti 70 si sono rifiutati pretendo tutto il denaro a loro dovuto. La tensione è aumentata proprio oggi, quando i dipendenti affiancati dai sindacati hanno protestato contro la Buttol all’ex sede della Multiservizi a Via Napoli. L’incontro ha costretto le forze dell’ordine a sedare gli animi indignati dalla situazione, ma si è arrivati ad un nuovo accordo: La Buttol pagherà tutti gli stipendi concedendo 7 giorni ai lavoratori per presentare le loro spettanze arretrate. La questione ha coinvolto anche l’amministrazione comunale, infatti molti ex addetti hanno chiesto aiuto e sostegno ai consiglieri, fra cui Vincenzo Amato del Movimento 5 Stelle, ecco le sue dichiarazioni: “La Buttol ha cercato di ricattare i lavoratori per farsi rilasciare ampia e totale liberatoria a fronte del mancato pagamento dell’emolumento di fine contratto, questa cosa avrebbe significato non poter più adire ad azioni per recuperare le eventuali somme arretrate (dentro ci sono assegni familiari, contributi erariali, straordinari, indennità etc. etc.). Con la lucidità del sindacalista Foresta e con la presenza delle forze dell’ordine e del sottoscritto, l’azienda ha capitolato retrocedendo sui suoi passi. In giornata eseguirà i bonifici per tutti i dipendenti e lascerà tempo agli stessi per formulare delle note scritte su tutti gli arretrati contestati. E’ denigrante dover assistere a questo tipo di violenze. I rifiuti sono una enorme risorsa e dovrebbe essere fonte di richezza sia per i dipendenti che per tutti i cittadini. In consiglio comunale si discuterà la ns. mozione sul compostaggio condominiale, un primo passo verso la riduzione a monte dei conferimenti, che genererà ricchezza per i cittadini e risparmi per l’amministrazione.”