Bandiere Blu, Campania pluridecorata: nel Cilento miglior mare della regione

La settimana prossima si terrà a Roma la cerimonia in cui verranno ufficializzate le località italiane che riceveranno la bandiera blu. In questi giorni sono stati inviati gli inviti ai comuni per partecipare. Una sorta di ufficializzazione del conferimento dell’ “insegna” che, ogni anno, viene assegnata ai comuni della Pensiola Italiana per qualità dell’ acqua e servizi. Non si sanno ancora i nomi delle località premiate per l’imminente estate. Sui nomi c’è il massimo riserbo in quanto prima della premiazione non possono essere svelati, pena il ritiro del riconoscimento. La Regione Campania sarà, anche quest’anno, la regione più decorata di Italia. L’anno scorso furono ben 14 le bandiere che sventolavano sulle coste campane alcuni dei quali: Massa Lubrense, Anacapri, Positano in Costiera Amalfitana, Agropoli, Capaccio Paestum, Castellabate, Montecorice, Pollica, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola-Palinuro, Vibonati-Villammare e San Mauro Cilento.

La provincia “pluridecorata” fu proprio quella di Salerno e con molta probabilità anche per questa estate sarà così. Ciò che fa ben sperare sono i dati dell’ ARPAC la quale ha rivelato che tutti i parametri sulla qualità del mare sono tornati su valori eccellenti. Ottenere una Bandiera Blu non è facile. Tra gli indicatori è ci sono una corretta gestione del territorio (raccolta differenziata e riduzione dei rifiuti), cura dell’arredo urbano e delle spiagge, accesso al mare per tutti, senza barriere architettoniche e limitazioni. L’obiettivo della Fondazione è quello di spingere verso un turismo sempre più sostenibile con una qualità di servizi che rispetti l’ambiente. Il primo riconoscimento per la provincia di Salerno è avvenuto nel 1987 con Pollica e da allora è stato un successo continuo e, anche quest’anno, si prospetta un fiorire di insegne blu.