Juve Stabia, il pensiero di Carboni e Manniello sul Catania

Archiviata la regular season con la vittoria interna sul Taranto, la Juve Stabia si appresta a vivere la post-season dove se la dovrà vedere probabilmente con uno dei peggiori avversari possibili, il Catania. Gli etnei hanno acciuffato il treno playoff per il rotto della cuffia pareggiando, all’ultima giornata, in casa della Casertana ed arriveranno certamente al match di domenica del ”Romeo Menti” fortemente motivati per quella che si preannuncia essere una battaglia sportiva a tutti gli effetti. Mister Carboni, in conferenza post Taranto, ha definito il Catania l’avversario ”probabilmente più difficile” da affrontare, tuttavia questo non deve scoraggiare le Vespe di Castellammare. Il team della Città delle Acque ha, difatto, chiuso la stagione regolare al quarto posto disputando un girone di andata eccellenta sotto ogni punto di vista e merita ampiamente di disputare la post season. Che i siciliani siano un team blasonato non lo scopriamo di certo noi, in quanto a parlare per la società del presidente Franco sono i risultati sportivi conseguiti nel corso degli anni precedenti.

Catania, dunque, blasonato e costruito per ben altri obiettivi a detta di mister Carboni che, però, dovrà scontrarsi con la Juve Stabia con il fattore campo a sfavore, e quando il ”Menti” decide di fare il ”Menti”, difficilmente gli avversari escono indenni (per conferma chiedere a Sampdoria). A fare il paio con le dichiarazioni di mister Carboni, ci ha pensato il vulcanico patron delle Vespe Franco Manniello; anche il presidente del club stabiese, nel corso di un intervista rilasciata al programma il “Pungiglione Stabiese” condotto da alcuni colleghi locali, ha enfatizzato molto l’argomento stadio asserendo che dovrà essere la città di Castellammare di Stabia a dover dire la sua in vista del match di domenica. Manniello ha parlato di una Juve Stabia che appartiene ai tifosi: tutto vero, ma a dimostrazione delle sue parole ci dovranno essere i numeri della sfida di domenica prossima in cui ci si auspica un ”Menti” stracolmo che possa trascinare i propri pupilli alla vittoria del match. Intanto, può considerarsi finita la querelle sull’orario di disputa del match: saranno le ore 15 l’orario ufficiale della sfida di domenica contro il Catania; rifiutato, dunque, lo slittamento di orario richiesto dalle Vespe anche in virtù della diretta televisiva che verrà proposte dalle reti Rai.