Premiato al Football Leader Javier Zanetti. Ecco le sue dichiarazioni

Si è tenuta oggi, presso la sala Partenope dell’Hotel Royal Continental di Napoli, la conferenza la conferenza stampa di presentazione del premio Football Leader.
Tra i presenti, il più atteso è stato il vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti, al quale è stato conferito, dal sindaco di Napoli, dott.Luigi De Magistris, il premio “Leader per sempre”.
Sono felice di aver fatto questa carriera all’Inter. Da quando sono arrivato in Italia, mi sono innamorato di questi colori. – ha dichiarato l’ex capitano nerazzurro agli organi di stampa- soffermandosi a parlare di altri argomenti.

Sui momenti più belli della carriera ha dichiarato:<< Sono stati tanti. Ma nel cuore ho la notte di Madrid, quando abbiamo vinto la Champions. È stato magnifico vedere i nostri tifosi in festa, soprattutto da capitano. Ma sono i momenti tristi a renderti più forte. Per vincere bisogna anche saper perdere>>.

Immancabile la domanda su Francesco Totti, storica bandiera giallorossa, affermando:<< Capisco Francesco, io l’ho vissuta tre anni fa. Ci siamo emozionati tutti ieri. Lui è un grande campione. Ha dato tutto per la squadra giallorossa>>.

Se ho mai voluto fare l’allenatore? No, non ci ho mai pensato. Quando ho smesso di giocare ho subito studiato per ricoprire un ruolo dirigenziale. Mi piace quello che faccio e continuerò a migliorare. E’ un onore per me poter rappresentare l’Inter”

Sull’addio di Rodrigo Palacio: “Ringrazio lui e Carrizo, che si sono comportati sempre come dei veri professionisti. Auguro loro il meglio per il futuro della carriera”

Sull’esito del campionato: “E’ giusto, perché Juventus, Roma e Napoli sono le squadre che hanno saputo dimostrare il calcio migliore. Il Napoli mi piace ed ha un suo modo di giocare che è evidente. Faccio i complimenti alla squadra e a Sarri, hanno fatto vedere un gran gioco di squadra”