Villa Comunale, partono le sanzioni per la ditta

Castellammare di Stabia. Era fissato a ieri il termine massimo per la consegna dell’ ultimo tratto di villa comunale. I lavori, però, come è ormai noto a tutta la città, termineranno nel giro di tre-quattro settimane. Tutto questo perché nel tratto in cui sta operando la ditta sono sorte notevoli difficoltà nella realizzazione del progetto. Nonostante ciò il comune di Castellammare di Stabia non perdona. Infatti il Responsabile Unico del Procedimento ha messo in mora la ditta per il mancato rispetto dei termini contrattuali. Dunque l’impresa che sta eseguendo i lavori, la RF Appalti, potrebbe essere chiamata a pagare una multa di 3mila e 300 euro circa per ogni giorno di ritardo. Insomma una vera e propria “batosta”, considerando che il guadagno in queste circostanze è davvero molto basso.

La ditta. La RF Appalti provato a giustificarsi. In più occasioni ha fatto presente le cause dei ritardi per situazioni non imputabili a se stessa. Per il secondo tratto è stata necessaria compiere una variante perché, una volta rimosso la pavimentazione in tufo si è scoperto che non vi era il massetto in cemento, situazione che non era stata contemplata in fase progettuale. I tecnici comunali chiesero, quindi, alla ditta di realizzare il massetto in misto cementato doppio 15 cm con sottoposta rete elettrosaldata diametro 6 mm maglia 20×20 centimetri. Una soluzione che non convinceva la ditta, soprattutto per quanto riguarda la tenuta finale della pavimentazione. La RF Appalti propose un sottofondo in cemento armato con doppia rete che, però, risulta avere costi maggiori. Inoltre i lavori sono stati fermi per la rottura di una tubatura d’acqua, fatto assolutamente estraneo all’operato della ditta.

Catello Esposito