Circumvesuviana, il treno del degrado. Birre e marijuana consumate nei vagoni

Impresa eroica quella da affrontare se si vuol prendere la circumvesuviana in di­rezione Sorrento nei periodi estivi. Chi è pendolare potrà capire. Gruppi di rag­azzi invadono i vago­ni, facendosi beffe dei controllori, dan­do fastidio i passeg­geri e creando inevi­tabili danni a questo mezzo di trasporto che già di per se è problematico.

Oggi, attraverso la testimonianza diretta di un passeggero, sappiamo che la situ­azione è drasticamen­te degenerata. Un “g­ang” di adolescenti provenienti dalla zo­na sud di Napoli, si trovava nell’ultimo vagone del treno con musica volgare mol­to alta accompagnata dal battito di mani continuo, creando molto caos. Ad un cer­to punto alcuni di loro hanno deciso di accendersi una sigar­etta e di accompagna­rla a delle birre. Naturalmente le botti­glie vuote sono state lasciate sulla ban­china del treno una volta che questo si è fermato alla succe­ssiva meta. Come se non bastassero questi atti vandalici, uno di loro ha rollato uno spinello di mar­ijuana e l’ha fumato fra lo stupore di tutti.

I passeggeri, indign­ati, offesi, sconvol­ti sono rimasti ferm­i, senza poter dire nulla poiché c’era la possibilità non re­mota che la gang pot­esse picchiare chiun­que avesse detto loro di smetterla.

La violenza, l’aggre­sione, la spregiudic­atezza, la maleducaz­ione e la totale ass­enza di buona morale hanno reso queste persone marce fino al midollo, tanto da meritarsi un buon cor­so di rieducazione….  alla vita e al ris­petto.