Napoli, sesso in Piazza San Domenico Maggiore: “Vivere qui è diventato impossibile”

Ennesimo episodio di esibizionismo sessuale a Napoli, a Piazza San Domenico Maggiore, cuore della movida napoletana. E se di giorno è un luogo turistico dove tantissimi visitatori si recano per ammirare la bellezza del posto, di notte diventa un inferno.

Le persone che abitano nelle vicinanze fanno fatica a dormire. I ragazzi fino alle 4 del mattino si divertono ad urlare e rompere bottiglie di vetro, senza pensare alla povera gente del posto.

Ultimo, sgradevole, episodio è avvenuto ieri sera. Un ragazzo e una ragazza, in preda all’euforia, hanno iniziato a praticare del sesso orale davanti a centinaia di persone. Probabilmente, i due giovani erano sotto effetti di alcool e droghe e inconsci delle loro azioni procedevano come se nulla fosse.

Ciò che è più grave sono state le riprese di tanti altri ragazzi presenti in piazza, rendendo virale l’episodio.
«Fatti come questo vanno fermati subito. Solo non vedo come, visto che qui di forze dell’ordine ne passano raramente. Ci vorrebbe un presidio fisso per evitare che possa ripetersi».

Più esasperati altri abitanti di un edificio limitrofo.«Non dormiamo più nonostante i doppi vetri, e d’estate dobbiamo sudare in casa perché di aprire le finestre prima delle 4 del mattino, non se ne parla proprio. Chiamiamo vigili e polizia dal venerdì alla domenica: non ci ascoltano, non gli interessa se suonano i bonghi fino all’alba e noi non possiamo riposare». Queste alcune testimonianze di persone stanche di questa situazione.

I protagonisti di questo episodio rischiano una multa di 30mila euro, mentre la polizia postale sta indagando per scoprire chi ha pubblicati i molti video presenti in internet.

Episodi del genere mettono in cattiva luce Napoli, ridicolizzandola agli occhi dei tantissimi turisti che ogni giorno visitano la città. Questo tipo di problema deve essere risolto al più presto e la soluzione immediata è quella di un maggiore controllo da parte delle forze dell’ordine.