Pagani. Tornano in libertà i due ragazzi che violentarono una 16enne

Giuseppe Bombardino e Antonio Saggese, i due ragazzi accusati di aver violentato una 16enne, tornano in libertà dopo due anni tra carcere e arresti domiciliari.
La decisione, a sorpresa, è arrivata ieri mattina dopo l’ennesima udienza processuale da parte dei giudici del tribunale di Nocera Inferiore. La sentenza definitiva è prevista per il 4 ottobre prossimo.
I due paganesi furono arrestati nel febbraio 2016. La ragazza, durante i soccorsi, raccontò che fu avvicinata da uno dei due all’uscita da una cornetteria, minacciata di morta e costretta a salire nella loro automobile.

Durante il tragitto la sedicenne cercò, invano, aiuto a due passanti. Il viaggio terminò davanti ad una scuola, in un luogo appartato, dove sarebbe stata consumata la violenza.
Da ciò che è emerso dalle indagine, la ragazza fu costretta a bere, per poi consumare un rapporto sessuale con entrambi i ragazzi. Terminato l’atto atroce, fu riaccompagnata a casa e dopo aver perso i sensi fu soccorsa dalla madre e accompagnata in ospedale, dove poi partì la denuncia.