Calcio. Il TAR del Lazio respinge il ricorso della Vibonese: squadra resta in Serie D

Roma. Nessuna sospensione dell’efficacia della decisione con la quale il 15 settembre scorso il Collegio di Garanzia per lo Sport del Coni stabili’ per la Vibonese Calcio la partecipazione al campionato già’ iniziato di serie D. L’ha deciso il Tar del Lazio con un’ordinanza con la quale ha respinto le richieste della societa’ calcistica calabrese. In sostanza, il Collegio di Garanzia dello Sport, a sezioni unite, accolse il ricorso di Figc e Lega Pro, annullando la decisione della Corte Federale d’Appello della stessa Federcalcio che lo scorso 30 agosto, su ricorso della Vibonese, aveva disposto la retrocessione del Messina all’ultimo posto dello scorso campionato di Lega Pro e la conseguente reintegrazione della compagine calabrese nell’organico del campionato di Serie C per la stagione sportiva 2017/2018. E per effetto di cio’, lo stesso Collegio ha rinviato la questione al Tribunale Federale Nazionale di primo grado endofederale. Il Tar, considerando che “non appaiono sussistenti” i presupposti richiesti dalla legge per la sospensione cautelare del provvedimento impugnato, ha ritenuto che comunque “il danno prospettato da parte ricorrente appare recessivo rispetto all’interesse della Federazione e della Lega Pro all’ordinato svolgimento di due campionati, ormai iniziati, essendo state svolte, per entrambi, 5 giornate di calendario”.