Caserta, fitorisanamento: bonifiche ecosostenibili in 4 mesi

Un’importante iniziativa di risanamento ambientale, tramite la tecnica di fitorisanamento, una straordinaria tecnologia totalmente naturale che emerge nell’ambito dei piu’ moderni sistemi di bonifica sostenibile, in atto su alcuni terreni di Marcianise, per un totale di 35 mila metri quadri, fortemente contaminato da metalli pesanti, quali piombo antimonio, arsenico e cadmio, dando vita a un grande polmone verde all’interno del sito produttivo, contaminato da pregressi stoccaggi di scarti di lavorazione. Questa pratica di bonifica ecosostenibile ripristinerà il terreno in soli 4 mesi, estraendo ogni traccia di sostanza tossica ed abbattendo notevolmente i costi di bonifica. Inoltre produrrà materiali utili per la filiera agro-energetica e della chimica verde. L’area da bonificare è un ex SIN (Siti di Interesse Nazionale classificati come aree contaminate) dove insiste il sito produttivo di una delle aziende di eccellenza della filiera COBAT, la ECO-BAT di Marcianise. Si tratta del piu’ grande produttore e riciclatore di piombo del mondo, attualmente l’unica azienda globale che offre un circuito chiuso di riciclaggio di batterie al piombo. L’iniziativa di ecobonifica è la prima su scala nazionale ed è stata ideata dai ricercatori della Federico ll di Napoli all’interno del progetto comunitario Life ECOREMED, di cui e’ parte attiva la Regione Campania.