Italia, la sorte pone innanzi la Svezia per un posto al mondiale. Oriali: ”Poteva andare meglio”

La qualificazione ai prossimi mondiali di Russia 2018 per l’Italia passerà per i play-off. L’urna ha decretato la Svezia come avversaria con cui giocarsi un posto nei gironi. Il c.t. della Nazionale, Gian Piero Ventura, ha così commentato circa la squadra scandinava: “La Svezia è un avversario forte, che merita il massimo rispetto. Gli Svedesi, nel cammino che l’hanno portati ai play off, hanno battuto la Francia a Stoccolma e sono arrivati davanti all’Olanda” – proseguendo – Ci prepareremo alla doppia sfida di novembre con fiducia e determinazione. Nessuno ha mai preso, e prende, in considerazione l’ipotesi di non andare al Mondiale. Ho la fortuna di lavorare con un gruppo di ragazzi eccezionali sia chi vive la Nazionale da tempo, sia chi è stato chiamato a rappresentare l’Italia negli ultimi mesi. Ci accompagnerà l’amore degli italiani. La storia insegna che nei momenti senza appello è sempre stato così. In Russia si va tutti insieme”.

Carlo Tavecchio, presidente della FIGC, si dice ottimista riguardo all’approdo dell’Italia nell’ex Unione Sovietica al termine del campionato, rimarcando le parole dell’allenatore circa il potenziale degli avversari: “Dovremo avere grande rispetto per una nazione che è sempre stata presente in contesti internazionali e ha avuto grandi giocatori. Abbiamo sempre tenuto presente il dovuto timore e il rispetto per questa grande nazione sportiva. Ma sono ottimista. L’ex Dirigente della Lega di serie D ha spiegato anche le motivazioni della scelta di Milano come meta designata per il ritorno: “Era da una settimana che avevamo scelto San Siro con Ventura, e Milano ci darà la risposta che aspettiamo”.
Intervenuto sui sorteggi anche Lele Oriali, team manager degli Azzurri, che condivide il pensiero di Tavecchio e Ventura: “Poteva andare meglio, ma accettiamo il sorteggio. Siamo l’Italia, abbiamo la nostra tradizione, non deve farci paura nessuno. Siamo ottimisti, pensiamo in positivo anche se sappiamo di avere davanti un avversario difficile e scorbutico. E’ una formazione importante e molto forte, in un girone difficile è riuscita a passare arrivando seconda, ma battendo la Francia 2-1 ed eliminando una Olanda in crescita. E’ un sorteggio non agevole. E comunque io dico che un Mondiale senza l’Italia non esiste”.
Non mancano all’appello anche le dichiarazioni dell’ex allenatore della Nazionale, Antonio Conte: “Ci sarà grande pressione, ma ho grande fiducia e da italiano sono sicuro che andremo al Mondiale”.