Capodanno, carabinieri sequestrano 4 tonnellate di botti nell’area stabiese-torrese e lattari (VIDEO)

Tolte dal mercato nero 4 tonnellate e mezzo di fuochi. 130 “cipolle” contenenti complessivamente 13 chili di polvere esplosiva. 50 chili di fuochi artificiali e pirotecnici sono stati sequestrati dai carabinieri della compagnia Vomero a un 26enne del rione Traiano già noto alle forze dell’ordine, Dario Di Pinto. Il giovane è stato fermato alla guida della sua auto durante un servizio di pedinamento e sorpreso a trasportare quanto sequestrato; dopo le formalità è stato condotto al carcere di Poggioreale.
A Caivano i carabinieri della locale tenenza hanno denunciato per detenzione illegale di materiale esplosivo e omessa denuncia un 58enne e un 40enne di Cecina (Li), entrambi pregiudicati, che su via Reno e sul corso Umberto di Caivano avevano allestito 2 banchetti abusivi su cui avevano esposto circa 80 chili di materiale di 1 e 2 categoria.
A Casola di Napoli i carabinieri hanno denunciato per commercio abusivo e omessa denuncia di materiale esplosivo un 18enne del luogo, incensurato, che aveva messo in vendita senza autorizzazione circa 20 kg di materiale pirotecnico delle categorie 1 e 2; per la messa in vendita senza autorizzazione di 180 chili dello stesso materiale, a Gragnano è stato denunciato un 52enne incensurato.
30 kg di materiale pirotecnico della categoria 1 e 2 li avevano esposti in vendita invece, a castellammare di stabia, un 41enne e un 40enne, i quali sono stati denunciati. Sempre a castellammare, i carabinieri hanno sequestrato circa 60 chili di fuochi a due 39enni pregiudicati del posto.
Ad Ercolano, infine, i carabinieri della locale tenenza e personale della polizia municipale hanno sequestrato circa 6 chili di fuochi di 1 e 2 categoria ad un 23enne incensurato del luogo sorpreso a nasconderli nella propria auto. Sanzionati, invece, per 10.000 euro, 2 venditori ambulanti sorpresi a vendere 2 chili di fuochi senza autorizzazione alcuna. Tutto il materiale è stato sequestrato ed è in attesa della distruzione. Con le ultime operazioni sale a 4 tonnellate e mezzo il peso dei fuochi illegali e/o detenuti o venduti illegalmente sequestrati dai carabinieri a Napoli e nella provincia.