Inter sull’ultimo treno per lo Scudetto, Fiorentina per rimanere agganciata all’Europa

Una delle partite più sentite in casa nerazzurra è quella di domani all’Artemio Franchi di Firenze. Una partita che potrebbe segnare, in un senso e nell’altro, il cammino che intraprenderà l’Inter da qui a fine campionato: una vittoria terrebbe i nerazzurri ancora in scia a Napoli e Juve; una sconfitta trascinerebbe i meneghini verso il basso e cambierebbe inevitabilmente gli obiettivi. Di fronte ai nerazzurri ci sarà una Fiorentina forte e consapevole dei propri mezzi, e che grazie a Pioli (uno degli ex di turno) ha trovato stimoli e sull’idea di squadra che spesso a Firenze è mancata. Rendez-vous in quel di Firenze per gli ex Borja Valero e Vecino, due amatissimi che la scorsa estate hanno sposato la causa nerazzurra. Sarà sicuramente una partita da seguire, che si preannuncia equilibrata, e che dirà cose diverse rispetto alla partita di andata. L’Inter non è quella di inizio campionato, le ultime uscite lo dimostrano, così come la Fiorentina è una squadra diversa rispetto a inizio stagione, più tonica, aggressiva e pungente. Entrambi gli allenatori confermeranno gli undici che più hanno dato garanzie: conferme in casa Inter per Santon a sinistra, Ranocchia recupera dal problema che l’ha costretto ad uscire con la Lazio e guiderà la difesa con Skriniar, davanti tutto confermato; nella Fiorentina, out Gaspar dai convocati, e solito 4-3-3 con i tre assalitori a far male, unico (piccolo) dubbio per German Pezzella (acciaccato), scalda i motori Vitor Hugo in caso di forfait.
PROBABILI FORMAZIONI:
FIORENTINA (4-3-3) – Sportiello; Laurini, Pezzella, Astori, Biraghi; Benassi, Badelj, Veretout, Chiesa, Simeone, Thereau.
INTER (4-2-3-1) – Handanovic; Cancelo, Ranocchia, Skriniar, Santon; Vecino, Gagliardini; Candreva, Borja Valero, Perisic; Icardi.