La tragedia di Casoria: Ciro Ascione è morto battendo la testa, lo conferma l’autopsia

Una tragedia assurda. Un epilogo annunciato qualche giorno fa, ma confermato solo da poco dalla autopsia: Ciro Ascione è morto battendo la testa sulle pietre lungo la linea ferroviaria Napoli-Caserta in conseguenza della caduta dal predellino del treno al quale si era aggrappato. Una caduta violenta perché nonostante la curva il treno andava a cento chilometri all’ora. Ciro ha perso l’equilibrio dopo aver resistito aggrappato per cinque o sei minuti. L’impatto con le pietre è stato fatale. Ciro praticamente è morto sul colpo. L’esame autoptico è stato effettuato nel tardo pomeriggio di ieri e dopo i risultati che hanno confermato la tesi investigativo derivata dai filmati che mostravano Ciro aggrappato al treno il magistrato ha anche liberato la salma restituendola ai genitori per i funerali. Il rito si svolgerà domani pomeriggio alle 14 in Piazza Cimmino nella parrocchia di Sant’Agrippino. Scartate quindi tutte le ipotesi avanzate dai familiari del ragazzo fino a ieri sera in tv secondo i quali Ciro Ascione sarebbe stato scaraventato giù dal treno da qualcuno. Salvatore Ascione, il papà ieri mattina in compagnia dell’avvocato Sabino farese, nominato dalla famiglia, ha fatto un sopralluogo lungo l’intero marciapiede del binario numero 5 alla Stazione centrale di Napoli. Quello da dove è partito il “treno della morte” . I due hanno evidenziato la posizione delle telecamere di videosorveglianza, le cui immagini che riprendevano un ragazzo attaccato alla porta del vagone, in un equilibrio palesemente più che precario avrebbero dovuto essere viste all’istante, per far scattare il fermo del convoglio. L’inchiesta della magistratura di Napoli Nord ora si sposta su questo versante. Ovvero sulla precarietà dei sistemi di sicurezza. Ma nonostante tutto, le domande che si pongono amici, familiari e tutte le persone che hanno seguito la vicende sono tante: Perché quel treno, che Ciro ha preso al volo temendo di arrivare in ritardo all’appuntamento con il papà che lo attendeva per mangiare una pizza, è partito nonostante avesse qualcuno attaccato alle porte e in equilibrio precario? Nessuno dalla centrale di controllo della stazione si è accorto di quella incredibile anomalia? Fermando quel treno si sarebbe evitata la tragedia? L’autopsia ha chiarito come è morto il giovane Ciro, ma la vicenda non è ancora chiusa, tante cose devono ancora essere accertate.