L’Inter non vince più: è 1 a 1 con la Spal

L’Inter non sa più vincere e anche contro la Spal spreca un’altra occasione per tornare alla vittoria. I nerazzurri timbrano il quarto pareggio consecutivo (non accadeva dal 2004) e si complicano da soli i piani per la Champions. Partita molto tattica sin dai primi minuti, con entrambe le squadre che pensano più a difendere che attaccare. La prima frazione si svolge prevalentemente a metà campo, poche occasioni e ritmo lento. La ripresa si apre in modo più vivace, con i nerazzurri che trovano la rete del vantaggio grazie a un autogol di Vicari su un cross di Cancelo. Nell’occasione, difetto di comunicazione della difesa spallina. L’Inter prende fiducia e sfiora il raddoppio con Vecino, bravissimo Meret a respingere in corner. La Spal ha l’occasione più clamorosa per pareggiare quando, su cross di Antenucci, Handanovic manca l’intervento spalancando la porta a Paloschi che, però, di testa spedisce sul fondo. Il pareggio arriva a un minuto dalla fine con un colpo di testa dello stesso Paloschi su un cross di Antenucci, bravo a rendere giocabile un pallone respinto dalla difesa.
L’Inter può fare solo ‘mea culpa’ per un atteggiamento che è sembrato inadatto anche dopo aver trovato il vantaggio. Squadra spenta, lenta nei fraseggi, troppo spesso timorosa di un avversario qualunque. Il giusto merito va dato alla Spal, intraprendente e vogliosa nel voler recuperare il risultato di svantaggio. Spalletti e l’Inter hanno veramente bisogno di un rito per scacciare questo alone di pesantezza che aleggia sulla squadra ed evitare di buttare un girone di andata giocato bene e che sembrava promettere almeno un posto alla prossima Champions.