Elezioni, l’ “Ape della libertà” fa tappa a Castellammare

Castellammare di Stabia. L’ “Ape della libertà”, così l’ha battezzata Enzo Rivellini candidato al Senato della Repubblica per il centro-destra nel collegio di Torre del Greco (Campania 9), ha fatto tappa a Castellammare di Stabia. L’ex eurodeputato è in giro per tutti i comuni del collegio per la campagna elettorale. Viaggerà per le strade della Circoscrizione Campania 9 a bordo del tre ruote tricolore.
“È sconvolgente: in due anni da luoghi come Torre Annunziata, Torre Del Greco e Castellammare sono “scappati” 2000 nostri giovani, per lo più laureati, per cercare lavoro al Nord e all’estero – scrive su Facebook – Eppure la politica continua a ignorare i nostri talenti, e insiste a portare avanti iniziative solo a tutela dei migranti. Lo dico chiaro e forte, come sempre: la storica cultura dell’accoglienza del nostro popolo non deve diventare un boomerang per i nostri giovani. Prima vengono i NOSTRI FIGLI! Non è possibile lasciar andare via i nostri migliori cervelli. Le politiche, e mi riferisco in particolare al territorio stabiese, sorrentino e torrese –devono valorizzare le grandi potenzialità che il creato ha regalato alla nostra terra. Mare, sole, storia, agricoltura, bellezze varie, capacità industriale e commerciale non ci mancano: i turisti di tutto il mondo vengono qui per ammirare la nostra terra straordinaria, mentre la politica non è stata finora in grado di dare una chance ai nostri ragazzi che vorrebbero restare a casa e dare una mano per realizzare un futuro migliore. Per evitare questa fuga vergognosa dei nostri figli, bisogna investire, investire e investire. Sì, tornare a investire sugli italiani. Proposte di aree a tassazione agevolata per la zona industriale torrese (l’Europa ha concesso all’Italia 21 zone franche che non ancora abbiamo attivato) dove produrre in esenzione doganale, e il potenziamento dei porti da Napoli a Castellammare possono essere ad esempio delle ottime soluzioni. Ho scelto di scendere in campo per la mia terra perché sono convinto che la politica deve avere due caratteristiche in questi momenti così difficili: forza e coraggio. Lo stesso che chiedo anche voi: è arrivato il momento di cambiare la storia della nostra terra”.