Rapinò e violentò una prostituta: arrestato 26enne di Torre Annunziata

Torre Annunziata. I carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Già del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di un 26enne di Torre Annunziata per sequestro di persona, rapina e violenza sessuale. La notte del 14 agosto 2017 l’arrestato, già noto alle forze dell’ordine, si recò a San Giovanni a Teduccio e, dopo aver pattuito una prestazione con una prostituta di origini nigeriane, la fece salire in auto portandola, anziché in una strada limitrofa come stabilito, in un’area isolata del comune di Pompei; durante il tragitto la minacciò, la percosse e la rapinò di telefono cellulare, effetti personali e 100 euro.
A pompei obbligò poi la donna, contro la sua volontà, ad avere un rapporto sessuale completo. A Torre del Greco, alla vista di una pattuglia dei carabinieri impegnata in un posto di controllo, la vittima gridò dal finestrino per chiedere aiuto e per quel gesto il ragazzo la scaraventò fuori dall’auto, dileguandosi. Venne comunque individuato velocemente grazie a indagini degli stessi carabinieri di Torre del Greco coordinati dalla procura di Torre Annunziata. nell’immediatezza infatti i militari prestarono le prime cure alla donna e localizzarono l’auto del malvivente, resosi nel frattempo irreperibile, per poi risalire alla sua identità. Sono in corso le indagini per l’identificazione di un complice. L’arrestato è stato rinchiuso presso la casa circondariale di Napoli-Poggioreale.