Volevano far evadere il boss dal carcere: arrestati

La Guardia di Finanza sta eseguendo una serie di arresti nei confronti di soggetti ritenuti vicini al clan Romito di Mattinata, in provincia di Foggia. L’accusa nei loro confronti e’ detenzione illegale di armi e tentata evasione: avrebbero provato a far scappare dal carcere foggiano uno dei boss del clan dopo la morte di Mario Luciano Romito, il presunto capo ucciso nell’agguato del 9 agosto 2017 ad Apricena nel quale morirono anche il cognato e due contadini incensurati.  I provvedimenti di arresto, in carcere e ai domiciliari, sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Foggia al termine delle indagini partite nei mesi successivi alla morte del presunto boss. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma al comando provinciale della Guardia di Finanza di Foggia alle 11.