Caserta. Finanza sequestra una tonnellata di gasolio di contrabbando

Oltre una tonnellata di gasolio di contrabbando pronto a essere messo illecitamente in commercio in totale evasione d’imposta sul mercato. E’ quanto hanno sequestrato i militari del Comando provinciale della GdF di Napoli nel comune casertano di Teano. L’operazione è partita da un comune a nord di Napoli quando i finanzieri hanno notato un grosso monovolume che procedeva molto a rilento nonostante ci fosse solo l’autista. Hanno seguito il veicolo sospetto fino a una zona periferica di Teano  e lo hanno sottoposto a controllo scoprendo che il monovolume era una vera e propria ‘stazione di rifornimento’ abusiva di carburante predisposta per erogare gasolio per autotrazione di contrabbando. All’interno del veicolo c’era una capiente cisterna metallica della capacità di circa 1000 litri, ricavata nell’alloggiamento normalmente destinato all’ubicazione die sedili posteriori, colma di gasolio e dotata di pistola erogatrice e ‘conta litri’ professionale. Dagli esami eseguiti si è scoperto che erano già stati effettuati rifornimenti di gasolio per diverse migliaia di litri perpetrando un’evasione delle imposte pari a oltre duecentomila euro. L’autista del monovolume è stato denunciato all’A.G. competente per le specifiche violazioni di carattere penale in materia di contrabbando.