Inter-Napoli tra Champions e Scudetto: chi sbaglia è fuori

Partita delicatissima nel posticipo di domani sera tra Inter e Napoli, che si giocano praticamente la maggior parte della stagione nella sfida di San Siro. I padroni di casa non possono più sperare nei passi falsi delle contendenti per aprirsi un varco in ottica Champions, così come gli ospiti che, reduci dalla debacle di sabato scorso in casa contro la Roma, hanno visto ridursi drasticamente le possibilità di mettere mani sullo Scudetto e non possono più fallire nessun appuntamento da qui in avanti. L’Inter ritrova Mauro Icardi in attacco, reduce da problemi fisici nelle ultime uscite, e puntano sulla propria punta di diamante per tornare a correre e lottare contro Lazio e Roma per il terzo posto. Il Napoli, ora a +1 sulla Juve ma con una partita in più dei bianconeri, non può permettersi di frenare ancora, se si considera che il campionato si avvia verso la fine, così come si avvicina lo scontro diretto di Torino che metterà il punto definito e chiarirà la futuro vincitrice del torneo. L’Inter, come detto, ritrova Icardi in avanti ma la sorpresa potrebbe essere Rafinha alle spalle dell’attaccante argentino, con Gagliardini in panchina e Borja Valero che scivola in mediana accanto a Vecino;
Il Napoli conferma i suoi indici, nessuna novità (si fa per dire) perché Hamsik ritorna dopo essere stato sostituito da Zielinski nell’ultimo turno.
Ci sarà da aspettarsi una grande partita, tattica e molto sentita da entrambe le compagini. È probabile che sia il Napoli, come è nelle sue corde, a muoverei fili del gioco, con l’Inter che proverà a colpire in contropiede o con lanci alle spalle della difesa per Icardi. Particolare importanza potrebbero averla i calci piazzati: il Napoli è particolarmente abile con i calci diretti, mentre l’Inter sa sfruttare al meglio cross lunghi e corner sui quali sono soliti avventarsi i giganti nerazzurri.
Non si attende altro che la partita di domani, con una certezza (o quasi): chi sbaglia è fuori dai giochi.
Danilo Acanfora