La prima ferrovia d’Italia, Napoli – Castellammare

La prima ferrovia della storia del nostro paese è la Napoli – Castellammare di Stabia. La strada ferrata voluta dall’ingegnere Bayard su approvazione del re Ferdinando per collegare più facilmente la capitale agli altri grandi centri, i lavori per la ferrovia Napoli-Castellammare iniziarono l’8 agosto del 1838 includendo un solo binario, raddoppiato solo due anni dopo. A parlarcene è Michele Palumbo nei suoi scritti: “Il percorso di otto chilometri si effettuò in sette minuti, fra il tripudio del popolo e le acclamazioni dei gentiluomini e signori che gremivano le ville, con osanna al Re che attese l’arrivo del convoglio con la famiglia reale, i ministri e gli ammiragli che presero nelle vetture di centro per il viaggio di ritorno, iniziato alle ore 12.30.” Tuttavia, la vera e propria inaugurazione la si ebbe quattro anni più tardi, il 31 luglio 1842, dopo che Bayard il 25 luglio ebbe eseguito la prova della ferrovia da Torre a Stabia. Il 2 agosto la ferrovia venne aperta al pubblico e due anni dopo giungeva anche a Nocera.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità