Pompei, passi in avanti per l’organizzazione del Gay Pride: probabile evento negli scavi

è ormai pronta ad accogliere il del 30 giugno. Accantonate le polemiche sul percorso, le associazioni Lgbt sono pronte ad ufficializzare tutte le iniziative culturali per la manifestazione. L’ultimo incontro tra le parti si è tenuto venerdì scorso all’interno del forum dei Giovani a piazza Schettini. Si è discusso della programmazione politica dell’evento, della definizione degli di carattere culturale e delle nomine e dell’organizzazione dei volontari. L’attenzione dovrà essere massimale poiché in città saranno attese circa 30mila persone. E la madrina dell’evento sarà la regina della danza Carla Fracci.
Le associazioni al momento attendono una risposta da parte della Soprintendenza per una collaborazione con gli . L’obiettivo è quello di organizzare un evento proprio all’interno del sito archeologico. Sarà una manifestazione di carattere universale: dalla libertà sessuale ai diritti dei Gay fino alla stipulazione di convenzione di carattere turistico.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità