Napoli. Aggredisce compagna e figlia di 4 anni: arrestato

Una donna e sua figlia, di appena 4 anni, sono state aggredite dal papà della bambina a poca distanza dalla “panchina rossa”, installazione simbolo contro la violenza sulle donne in via Alessandro Poerio a Napoli. L’uomo, un pregiudicato per reati contro il patrimonio, ha preso in braccio la bambina per poi scagliarla a terra e colpire con calci e pugni la madre della piccola. Il tutto è avvenuto per un futile diverbio. L’aggressione è avvenuta proprio nei pressi dell’ingresso dell’edificio dell’Unità operativa Tutela emergenze sociali e minori della Polizia municipale di Napoli. Gli agenti, richiamati dalle urla, sono riusciti a bloccare l’uomo che ha opposto resistenza tentando di colpire le vittime anche davanti al personale di polizia. E’ stato quindi arrestato e, su disposizione del pm di turno, portato nel carcere di Poggioreale mentre la donna e la piccola sono state medicate rispettivamente al pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli, dove è stato attivato il percorso rosa del Centro Dafne, protocollo dedicato alle donne vittime di violenza con assistenza fisica e supporto psicologico, e all’ospedale pediatrico Santobono, con prognosi rispettivamente di 21 e di 6 giorni. L’aggressione violenta è scaturita per futili motivi e rappresenta l’ultimo di tanti episodi di violenze domestiche che, hanno ricostruito gli agenti della Polizia municipale di Napoli intervenuti sul posto, andavano avanti fin dall’inizio della convivenza e proseguite anche durante la gravidanza.