Una bomba carta distrugge l’auto della moglie del boss: indagano i carabinieri

Bomba carta per danneggiare l’auto della moglie del boss Piscopo. Accade a Massa di Somma, dove ignoti questa notte hanno posizionato un ordigno rudimentale accanto alla vettura della donna. Nei confronti del clan Piscopo ieri i carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio insieme a colleghi del nucleo operativo della compagnia di Torre del Greco hanno arrestato per estorsione aggravata dal metodo mafioso 2 soggetti del luogo già noti alle forze dell’ordine ritenuti legati ai “Piscopo”. Si erano recati in un cantiere edile e si erano fatti consegnare 1.500 euro in denaro contante, somma pattuita con il titolare della ditta edile, chiesta in precedenza per conto del clan. Ad attenderli però c’erano i carabinieri, travestiti da operai, che hanno li hanno bloccati e tratti in arresto nonostante un tentativo di fuga dei due a bordo di una vettura. Anche nel caso della bomba carta fatta scoppiare questa notte indagano i militari della compagnia di Torre del Greco.