Cantone: “Impediamo ai clan di divorare i ragazzi”

“Mai piu’ altri , bisogna impedire ai di divorare una generazione”. E’ quanto dichiarato dal presidente dell’Anac, Raffaele , al quotidiano la Repubblica, intervenendo sulla vicenda di Emanuele Sibillo, il capo della paranza dei bambini divenuto boss a soli 17 anni e assassinato a 19. “Quanto ci siamo preoccupati del fatto che in interi quartieri della citta’ e della provincia c’erano un numero altissimo di persone detenute, un tasso altissimo di disoccupazione, un livello altissimo di abbandoni scolastici – si interroga Cantone -? In questi quartieri pero’ nessuno si lamentava di fare la fame: il segno che li’ stava funzionando il welfare criminale, che aveva inserito i ragazzini nel suo sistema. Tutti conoscono le storie dei bambini ingaggiati come vedette dai clan, guadagnando in una settimana 500 euro, molto di piu’ della paga di un impiegato pubblico. Eppure l’unico approccio e’ stato quello di intervenire con la repressione penale: arresti e processi. Niente altro”. “Sibillo – spiega Cantone – in qualche modo e’ la prova: molti di questi ragazzi potevano venire recuperati se fossero stati concretamente seguiti. Lo dimostra l’attivita’ di don Antonio alla Sanita’, che ha salvato tanti con le cooperative e con le scuole di musica. C’e’ una generazione su cui non si e’ provato a investire. Perche’ quando gli interventi ci sono stati, pochi e su base volontaria, i risultati sono sempre stati positivi”.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità