Castellammare.Regione e Governo diano risposte

Fincantieri Castellammare, Andrea Di Martino: “Bene il protocollo, ora Regione e Governo diano risposte certe sul futuro”

Al battesimo del mare devono tornare nave con il marchio Castellammare. La firma del protocollo sullo stabilimento stabiese tra Bono e De Luca è un passo in avanti per dare garanzie istituzionali alla città e ai lavoratori. Ma questo è solo un primo risultato rispetto al cammino che c’è ancora davanti. Tra i primi atti da sindaco ci sarà la richiesta immediata di sedere al tavolo istituzionale per ottenere che Fincantieri, regione e governo diano le risposte che Castellammare si aspetta. Mai più tronconi e pezzi di navi inviati di sei mesi in sei mesi, ma una programmazione di lunga durata.
Lo stabilimento deve essere un centro di costo autonomo nell’ambito del piano industriale di Fincantieri. Investimenti pubblico-privati per riorganizzare il layout produttivo dello stabilimento. Accordo tra sindacati, Regione ed azienda per la realizzazione di Investimenti di primo livello. Spingere affinché la proprietà investa per rimodernare le attrezzature di costruzione. Tutti punti solo accennati nel documento firmato oggi che devono essere trasformati in impegni concreti e numeri sugli investimenti e le garanzie occupazionali. Su Fincantieri fino ad oggi si sono fatte troppe parole, oggi ci sono le condizioni internazionali e ci saranno quelle locali per tradurle in fatti.