Napoli, tanti dubbi per il futuro. Sarri e Hamsik in forse: unica certezza Lorenzo Insigne

Sarri si. Sarri no. Sarri forse. Napoli e il Napoli sono in ansia per quanto riguarda la situazione dell’allenatore azzurro. Come se non bastasse, in queste ore si è aggiunta anche la grana Hamsik. Il capitano slovacco, tramite i suoi agenti e suo padre(“in questo momento la percentuale per una sua partenza è del 60%”), ha fatto ben capire di poter lasciare Napoli. Le motivazioni sono molto semplici: voglia di cambiare dopo dieci anni e mancanza di stimoli dopo una stagione fantastica terminata con zero titoli, nonostante i 91 punti in campionato. La destinazione dovrebbe essere la Cina. Dieci milioni di ingaggio e circa venti alla società di De Laurentiis.
Se dovesse andare in porto la trattativa, la città di Napoli perderebbe un grande capitano, un grande calciatore, un uomo che ha sposato completamente la causa napoletana. E allora cosa si potrebbe dire, se non buona fortuna e grazie. Grazie dopo tutti i record, dopo tutte le volte in cui lo slovacco ha calcato l’erba del San Paolo, per tutte le esultanza a “Cresta Alta”. Il grazie da parte di un intero popolo è assolutamente dovuto.
Ma in attesa di capire bene la situazione Hamsik e Sarri, con Reina e Maggio che hanno già lasciato, lo spogliatoio azzurro dovrà essere preso in mano da un altro calciatore. Dovrà essere Lorenzo Insigne, dopo tanti anni di Napoli, a diventare il Capitano, con la fascia se Hamsik dovesse lasciare, ma anche senza dimostrando di essere ormai leader sia tecnico che umano. Il Napoli è avvolto da tanti dubbi, Lorenzo deve essere necessariamente l’unica certezza.