Operaio scomparso da due giorni, ore di angoscia nel cilento

Sono continuate per tutta la notte le ricerche di Giuseppe Mautone, il 48enne operaio di Ascea scomparso dal pomeriggio di giovedì 3 maggio e andare a un appuntamento di lavoro. L’uomo, sposato e con figli, si sarebbe allontanato dalla propria abitazione di località Stampella per incontrare una persone e discutere di lavoro ma la sera non ha fatto ritorno a casa. La moglie, preoccupata, si é rivolta ai carabinieri. L’operaio non soffrirebbe di disturbi psicologici e, stando a quanto si apprende, nelle ore precedenti alla scomparsa, non avrebbe mostrato insofferenze o atteggiamenti che potessero far ipotizzare un allontanamento volontario. Il suo telefono è spento da due giorni. I carabinieri, che insieme ai volontari lo stanno cercando, stanno cercando di rintracciare l’apparecchio attraverso la cella telefonica e intanto stanno cercando di capire i contatti dell’uomo attraverso la lettura dei tabulati telefonici. La cosa che rende ancora più misteriosa la sua scomparsa è che Giuseppe si è allontanato a piedi dal cantiere di lavoro perché la sua auto è stata trovata parcheggiata sul posto. E’ probabile che sia andato nell’auto di qualcuno con il quale aveva appuntamento? O è successo qualcosa? Si è allontanato volontariamente  e perché? La moglie, i due figli e gli altri parenti chiedono aiuto. Chiunque abbia notizie- ha fatto sapere la sorella Barbara  può contattare il numero 3337200049