Scandone Avellino, Auda si presenta: ”Contento ed entusiasta di giocare per la Sidigas. Qui per portare energia alla squadra”

Si è svolta questo pomeriggio la conferenza stampa di presentazione del neo acquisto della Sidigas Scandone Avellino in ottica Playoff, Patrik Auda. L’ala grande 29enne, originario della Repubblica Ceca, si è presentato cosi in sala stampa:
”Sono contento ed entusiasta di giocare per la Sidigas Avellino e spero di portare alla squadra quanta più energia possibile in vista dei Playoff, che sono ormai imminenti. Spero di riuscire ad arrivare più lontano possibile. Mi metterò a disposizione della squadra e cercherò di adattarmi quanto più possibile alle richieste del coach: sono abbastanza versatile, riesco ad esprimere il mio gioco sia dentro che fuori l’area. Conoscevo già in parte la Sidigas perché ha disputato la Basketball Champions League quest’anno”.

Contestualmente, anche Coach Sacripanti ha espresso alcune considerazioni riguardo il nuovo atleta a disposizione della Scandone ed il prossimo impegno che attende i biancoverdi:
”Innanzitutto una considerazione sulla scorsa partita contro Bologna: avevo chiesto ai ragazzi, dopo la gara contro Venezia, di non farci sopraffare da una squadra che ha come obiettivo la qualificazione ai playoff e sono stato molto contento della risposta e della reazione dei miei ragazzi. Trento è una squadra che viene da 7 vittorie consecutive e dovremo fare di tutto domani per portare a casa il match per avere il fattore campo nei playoff. Abbiamo due risultati su tre favorevoli, perché possiamo anche perdere di meno di 11 punti, ma noi vogliamo pensare solo a vincere la partita. La Dolomiti Energia ha grande atletismo, soprattutto grazie a Shields e Gomes, che mostrano le loro qualità fisiche su ogni contatto, ogni raddoppio e ogni anticipo. C’è tanto lavoro da parte dello staff per preparare questa partita, perché dovremo attuare una serie di accorgimenti che speriamo i nostri giocatori mettano in pratica nel migliore dei modi. Su Patrik (Auda ndr), è un giocatore molto fisico, a metà strada tra lo spot di ‘quattro’ e ‘cinque’. Speriamo che possa darci un po’ più di serenità nella gestione dei minutaggi durante la serie contro Trento, ma soprattutto energia, freschezza e flessibilità”.