Giovane ecuadoriano aggredisce poliziotto ma viene ucciso dopo la lite

Un giovane di circa 20 anni di origini ecuadoriane e’ morto ucciso da un agente di polizia intervenuto nella sua casa su richiesta della madre, al culmine di una lite. La tragedia e’ accaduta in una abitazione in via Borzoli a Genova. Secondo la ricostruzione fornita dalla polizia, la madre del giovane morto ha chiamato nel tardo pomeriggio il 113 perche’ il figlio stava dando in escandescenze. La situazione e’ pero’ peggiorata, la donna si e’ spaventata, si e’ barricata in una stanza con la figlia ed ha deciso di chiamare anche la polizia. Quando gli agenti sono giunti nell’abitazione, il giovane, ha spiegato la questura, sembrava tranquillo. Poi la tragedia: il giovane si e’ seduto sul letto nella sua camera ma quando un agente si e’ avvicinato da sotto le lenzuola ha tirato fuori un coltello e lo ha aggredito, ferendolo. Nella colluttazione il giovane e’ morto e l’agente e’ stato raggiunto anche da un colpo di pistola. Del caso si occupa il pm Walter Cotugno che coordina le indagini della squadra mobile.  L’agente di polizia  ferito nella colluttazione ed e’ stato ricoverato all’Ospedale S. Martino di Genova in codice rosso.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità