Medico chirurgo in manette: chiedeva tangenti per riconoscere l’invalidità

Nocera Inferiore/Castellammare di Stabia. I carabinieri hanno arrestato un medico chirurgo per concussione. La dottoressa, una 64enne residente a Salerno, era stata nominata consulente tecnico dal Tribunale di Nocera Inferiore nell’ambito di un procedimento giudiziario nei confronti dell’ INPS per il riconoscimento dell’invalidità civile ad una portatrice di handicap, una signora 90enne di Nocera Inferiore.
Il medico si era rivolto al legale della ricorrente a cui aveva prospettato l’esito negativo della richiesta: il parere sarebbe potuto diventare favorevole, però, se le avessero consegnato sottobanco 1000 euro. L’avvocato così ha sporto regolare denuncia ai carabinieri di Sant’Antonio Abate, così, durante il secondo incontro, fissato poiché la dottoressa sosteneva ci fosse una certa urgenza, nel suo ufficio all’interno di una clinica di Nocera Inferiore i carabinieri della compagnia di Castellammare e della stazione di Sant’Antonio Abate l’hanno arrestata in fragranza mentre prendeva una tangente di 500 euro dalle mani dell’avvocato.
Risponderà di concussione. Dopo le formalità di rito è stata trasferita al carcere di Salerno – Fuorni e il denaro restituito all’avente diritto.