Mondiali, girone F: Svezia-Corea del Sud fa aumentare ancor di più i rimpianti azzurri. Tra sbadigli e noia la decide Granqvist dal dischetto

Svezia-Corea del Sud ha chiuso la prima giornata del girone F. La squadra che ha eliminato l’Italia dal playoff mondiale ha vinto per 1-0 sugli asiatici grazie ad un rigore trasformato da una vecchia conoscenza della serie A, Andreas Granqvist. Dopo aver assistito a questo spettacolo a dir poco mediocre, i rimpianti per la nazionale Azzurra aumenteranno ancora di più.
La partita è stata molto equilibrata, le due squadre hanno cercato di conquistare i tre punti soprattutto dopo la sconfitta di ieri della Germania contro il Messico, rendendo equilibratissimo il girone. Tanto da far risultare il prossimo turno già decisivo ai fini della qualificazione agli ottavi. E incredibilmente, in un girone così scarso, i tedeschi rischiano. Forse è l’unica nota positiva per gli Azzurri.
Un rigore e poco più hanno caratterizzato tutti i 90 minuti. Errori, falli, brutte giocate. Doveva esserci l’Italia in questa sfida. Non è possibile essere inferiore a squadre che non riescono a segnare nemmeno da un metro dalla porta. L’intera Federazione italiana deve porsi delle domande e risponde in fretta. Oggi doveva essere l’Italia ad esultare e gioire. Non è assolutamente giusto.
E infine c’è da sottolineare una cosa: la Svezia non vinceva la prima partita di un mondiale da 60 anni, ovvero quando l’Italia non partecipava al torneo, ovvero stessa e identica situazione di oggi. Svezia e Italia, dal punto di vista calcistico non sono certamente legate da un buon rapporto. (il biscottone del 2004 grifa ancora vendetta).