Mondiali, girone G: Belgio, una gemma di Mertens e la doppietta di Lukaku regolano un Panama tutto cuore

Che il Mondiale in Russia si stia rivelando equilibrato e ricco di sorprese questa è ormai cosa certa viste le prestazione delle grandi nazionali contro le piccole, ma con tutto il rispetto e l’amore che si possa provare per Panama il passo falso del Belgio quest’oggi era pura utopia. E infatti è arrivato un netto 3-0 per i Diavoli Rossi grazie alle reti di Mertens e una doppietta di Lukaku.
I complimenti alla nazionale centroamericana bisogna, però, farli. Perchè alla loro prima apparizione in una competizione del genere, con le lacrime agli occhi durante l’inno e l’emozione di un intero popolo, tenere lo 0-0 per tutto il primo tempo non era certamente facile. E nella prima frazione, infatti, il Belgio dei talenti non è riuscito a trovare spazi sufficienti per trovare la rete, nonostante in campo ci fossero calciatore dalla tecnica sopraffina come Mertens, Hazard e De Bruyne su tutti. Un primo tempo perfetto e una ripresa giustamente in riserva dopo le tante energie spese. Pronti via e arriva la gemma che ha sbloccato la partita: una palla vagante in area di rigore viene trasformata in un arcobaleno perfetto da Mertens, certamente non nuovo a gol del genere e i napoletani lo sanno bene.
Serviva un episodio al Belgio per tranquilizzarsi apparso troppo nervoso soprattutto nei primi 45 minuti, anche se poco dopo minuti Panama con Murillo va vicinissmo al pareggio e solo grazie ad un ottimo intervento di Courtois il punteggio resta invariato. E allora ecco la mini goleada belga: Lukaku prima sfrutta un assist geniale che solo De Bruyne poteva inventare e poi una buona azione di capitan Hazard per portare il risultato sul 3-0. Una buona risposta dei ragazzi di Martinez ai tanti flop mondiali di questo inizio di torneo. Restano le difficoltà del primo tempo ma una squadra con talenti del genere potrebbe trovare la rete da un momento all’altro contro chiunque avversario. Il mondo è avvisato, il Belgio c’è e ha voglia sognare in grande.
Foto: GettyImages