Tra l’addio a Stroppa e il rinnovo con Nember. Si aspetta l’udienza ma il Foggia è fiducioso e pronto a ripartire: “Nei prossimi due anni vogliamo la Serie A”

Dopo i tanti dubbi dei tifosi e il lungo silenzio del Foggia Calcio, questa mattina sono intervenuti in conferenza stampa il commissario giudiziale Nicola Giannetti e il direttore sportivo Luca Nember per parlare ai media della situazione societaria, ad una settimana esatta dall’udienza prevista a Roma venerdì 22 giugno, e dei progetti futuri del club rossonero in vista della prossima stagione di Serie B.
È proprio il Commissario Giannetti ad aprire la conferenza stampa: “L‘udienza per il deferimento che ha avuto la società del Foggia si terrà venerdì prossimo. Con il nostro avvocato stiamo collaborando sulla predisposizione di memorie difensive sia di natura legale che tecnica. Ho avuto un incontro con il procuratore federale per smorzare tutta una serie di accuse che sono state alzate nei confronti del Foggia e per spiegare meglio determinate situazioni. Devo dire che sono abbastanza fiducioso e sono convinto che questa storia possa finire nel migliore dei modi per la società. Per quanto riguarda la problematica inerente alla revoca della mutualità relativa a quest’ultima stagione, oggi abbiamo presentato un ricorso alla procura federale. Mi dà ulteriormente fastidio che il provvedimento sia stato adottato a voto segreto, con maggioranza dei voti degli altri presidenti delle altre società. Al momento abbiamo chiesto una sospensiva del provvedimento. A mio parere poteva esserci una sanzione, ma la revoca totale della mutualità mi sembra una cosa veramente spropositata da parte della Lega di Serie B. Il Foggia non ha un giorno di ritardo nei vari pagamenti, dunque tutto ciò mi sembra esagerato.
Nell’ambito di tutte queste problematiche noi siamo in continuo contatto con la proprietà del Foggia Calcio: c’è totale, piena e ferma volontà di regolarizzare il tutto per l’iscrizione al campionato, stiamo provvedendo a tutti gli adempimenti, abbiamo già richiesto la fideiussione ed entro fine mese provvederemo a tutti gli stipendi e contributi. Inoltre ci sarà la convenzione definitiva per lo Stadio Pino Zaccheria.
Luca Nember rimane sia per questa stagione che per prossima. Lui ha confermato l’impegno con noi. Sotto l’aspetto sportivo ha carta bianca, tutti i rapporti a livello calcistico e sportivo saranno tenuti da lui. Sta già lavorando per la prossima stagione e nei prossimi due anni l’obiettivo da centrare sarà la Serie A. Il mio incarico finisce il 19 settembre, per fine luglio dovrebbe concludersi la rimodulazione del modello 231 della società. Per quanto riguarda il calciomercato il mio compito sarà quello di firmare i contratti”

Luca Nember viene così confermato e il suo contratto è rinnovato fino al 2020. La parola passa successivamente al ds rossonero che fa chiarezza anche sulla situazione dell’ormai ex allenatore dei rossoneri Giovanni Stroppa: “È stata una mia scelta, ho avuto richieste dalla Serie A, magari non era il momento. Credo di aver fatto la scelta giusta per me ma anche per il commissario che ci sta dando una grossa mano. Dal punto di vista professionale ho accettato di rimanere perché voglio portare questa piazza nella massima serie, quindi ho uno stimolo in più.
Con Stroppa fino a qualche settimana fa eravamo in sintonia per il proseguo del progetto, poi ha cambiato idea e abbiamo deciso di voltare pagina. Una settimana fa e ieri abbiamo avuto contatti con il Crotone, ma al momento è ancora un nostro tesserato. La società ha comunque delle esigenze e quando viene contattato un tesserato senza passare da chi lo gestisce possono succedere queste cose. Di certo Stroppa non sarà più l’allenatore del Foggia. Stiamo lavorando per trovare un profilo che possa competere con noi. Se qualcuno degli allenatori contattati vuole aspettare il 22 non sarà il nostro allenatore: significherebbe che non crede in quello che dice la società.
Con Kragl è stato già fatto un contratto, la sua situazione e quella di Stroppa sono due cose distinte. Kragl verrà riscattato entro il 20 Giugno. Per Agazzi ne stiamo ancora parlando.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità