Dopo un periodo di stop ritornano i tutor: le tratte interessate

I nemici giurati degli automobilisti che amano guidare col piede pesante stanno per tornare. I tutor per rilevare la velocità stradale torneranno in attività, in alcune tratte, dal 25 luglio. I punti interessati saranno quelli ad alta trafficabilità, come la A14 che collega Bologna alla riviera adriatica e l’A1 da Milano a Napoli, come rilevato dal portale “La legge per Tutti”. Gli altri rilevatori di velocità invece torneranno a funzionare entro ferragosto.
Di seguito l’elenco dei tutor riattivati dal 25 luglio:
A1 tra Modena Sud e allacciamento con A14 in direzione Bologna;
A1 tra allacciamento con A/14 e Modena Sud in direzione Milano;
A1 tra Valmontone e allacciamento con D/19 in direzione Roma;
A1 tra Pontecorvo e Cassino in direzione Napoli;
A1 tra Cassino e San Vittore in direzione Napoli;
A1 tra Caianello e San Vittore in direzione Roma;
A1 Direttissima, nella galleria di base sia in direzione Firenze sia in direzione Bologna;
A10 tra Celle Ligure e Albisola in direzione Savona;
A10 tra Albisola e Celle Ligure in direzione Genova;
A14 tra San Lazzaro e Castel San Pietro in direzione Ancona;
A14 tra Castel San Pietro e Imola in direzione Ancona;
A14 tra Forlì e Faenza in direzione Bologna;
A14 tra Faenza e allacciamento con D14 in direzione Bologna;
A16 tra Baiano e Avellino Ovest in direzione Canosa;
A16 tra Avellino Ovest e Baiano in direzione Napoli.
Novità degli apparecchi rilevanti la velocità, che si chiameranno Sicvee-PM, sarà non solo nel riconoscimento ottico della targa, ma si baserà sulla corrispondenza delle caratteristiche fisiche della targa, in modo da limitare il margine d’errore.