Mondiali. Invasione di campo, daspo e 15 giorni di carcere per 4 Pussy Riot

Mosca. Condannate a 15 giorni di arresti le Pussy Riot che ieri hanno invaso il campo durante la finale dei mondiali tra Francia e Croazia indossando l’uniforme della polizia. Un tribunale di Mosca ha condannato Veronika Nikulshina, Olga Kuracheva e Pyotr Verzilov a 15 giorni nelle celle della polizia e ha loro vietati anche di visitare eventi sportivi per tre anni, secondo quanto riportato dal sito di notizie del tribunale di Mediazona. Sono colpevoli di “aver violato gravemente le regole per il comportamento degli spettatori” e hanno avuto la pena massima prevista. Verzilov e’ il fondatore del sito Web Mediazona, che riferisce di processi su attivisti per i diritti. Il tribunale ha anche processato un’altra manifestante: Olga Pakhtusova. I quattro sono scesi in campo allo stadio Luzhniki di Mosca domenica e hanno brevemente interrotto la partita nella secondo tempo della partita tra Francia e Croazia, davanti al presidente russo Vladimir Putin ed altri leader mondiali tra cui il presidente francese Emmanuel Macron.