Napoli. Guardia di Finanza scopre 66 lavoratori in nero

Una ditta che realizzava camicie nella quale lavoravano a pieno ritmo 18 dipendenti, tutti senza contratto di lavoro, e’ stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Napoli durante controlli nel rione Sanita’ del capoluogo partenopeo. I controlli dei finanzieri, che sono stati eseguiti tra Napoli, Portici  e nelle isole del Golfo, hanno consentito, complessivamente di scoprire 66 dipendenti di diverse aziende, completamente sconosciuti al Fisco; individuate quattro aziende abusive, tre le quali sono state sequestrate. Sigilli sono stati messi dalle Fiamme Gialle anche a un autolavaggio di Arzano, in provincia di Napoli, che operava senza avere le autorizzazioni ambientali. I finanzieri hanno sequestrato anche tre pelletterie del centro storico, con 26 dipendenti “in nero”, sprovviste della documentazione relativa allo smaltimento dei rifiuti della lavorazione. Per 6 esercizi commerciali scattera’ la richiesta di adozione del provvedimento di sospensione all’ispettorato territoriale del lavoro, in quanto la manodopera irregolare e’ risultata superiore, in percentuale, alla soglia prevista dalla normativa per applicare il provvedimento cautelativo. Per ciascun dipendente non regolarmente assunto, inoltre sara’ comminata, come da normativa, una “maxisanzione”.