Ronaldo alla Juve, anche la Fiat di Melfi annuncia lo sciopero

Anche nelle fabbriche di Fca arriva l’eco dell’operazione miliardaria che ha portato Cristiano Ronaldo alla Juventus. Sono le frange piu’ estremiste a scendere in campo, mentre i sindacati confederali non prendono posizione. A Melfi i sindacati di base proclamano uno sciopero su tutti i turni, da domenica sera a martedi’ mattina, “contro tanta iniquita’”: “E’ inaccettabile – dice l’Usb in un volantino – che l’azienda, mentre continua a chiedere ai lavoratori di Fca e Cnh Industrial enormi sacrifici a livello economico, decida di spendere centinaia di milioni di euro per l’acquisto di un calciatore. Gli operai e le loro famiglie stringono sempre piu’ la cinghia la proprieta’ decide di investire su un’unica risorsa umana tantissimi soldi. E’ giusto tutto questo?”. A Pomigliano d’Arco protestano i Si Cobas e i cinque ex operai il cui licenziamento e’ stato confermato dalla Corte di Cassazione nelle scorse settimane. ‘Per Ronaldo 400 milioni… Agli operai solo calci nei coglioni’ si legge su un manifesto affisso sul muro di recinzione dello stabilimento. Uno degli ex operai indossa una maglia con la foto di un manichino ‘impiccato’ con la testa di Ronaldo e la scritta “400 milioni presi dalle tasche degli operai? No grazie. La faccio finita”. “Noi siamo quelli che ti paghiamo”, si legge ancora su un manifesto affisso vicino all’ingresso 2 sul quale campeggia la foto di Cr7 con la maglia della Juventus, e che, secondo i manifestanti sara’ pagato con i soldi da destinare invece agli operai. Scende in campo anche l’associazione dei consumatori Codacons che parla di “un contratto immorale e vergognoso per un paese civile” e chiede alla magistratura “di verificare la correttezza dell’operazione Ronaldo, accertandone la sostenibilita’ ai fini del bilancio della Juventus”. Nei sindacati piu’ grandi pochi hanno voglia di commentare. “Come tifoso non posso che essere contento dell’acquisto di Ronaldo. Potrebbe rappresentare un’opportunita’ anche per Torino. Certo che parliamo di compensi economici totalmente fuori misura, e anche immorali, rispetto ad esempio a quanto guadagna un operaio di Fca: circa 1.600 volte in piu'”, dice Federico Bellono, segretario generale della Fiom torinese e fan della squadra bianconera.