Campania, EAV assume 350 nuovi dipendenti. De Luca: “Un miracolo”

Buone notizie finalmente nell’ambito del trasporto pubblico in Campania con l’Eav che si appresta ad assumere 350 nuovi dipendenti. Lo hanno annunciato, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il presidente dell’ente pubblico, Umberto De Gregorio in una conferenza stampa congiunta nel presentare il progetto e le linee guida delle assunzioni, “La vicenda Eav e’ la piu’ emblematica di un percorso di risanamento eccezionale che ci porta oggi ad annunciare 350 assunzioni, dopo aver risanato debiti in 3 anni per 600 milioni. Ringrazio Umberto de Gregorio che ha guidato con intelligenza e competenza l’azienda”, ha spiegato De Luca. E poi ha aggiunto: “E’ una giornata per noi davvero storica – prosegue il governatore -partono le procedure per assumere 350 giovani nelle Eav azienda di trasporto regionale che e’ stata risanata in questi tre anni. Siamo veramente orgogliosi perche’ abbiamo risolto il problema finanziario, 600 milioni di euro di debiti eliminati in tre anni senza l’aiuto di nessuno, non con i contributi del governo nazionale. Abbiamo risanato l’azienda, abbiamo riaperto 14 cantieri che erano bloccati facendo transazioni importanti con le imprese che erano bloccate nei cantieri. Abbiamo riqualificato il servizio l’abbiamo esteso nell’area Cumana e nella costiera sorrentina, allargando il servizio anche in orario notturno, nei fine settimana e abbiamo varato un programma di acquisto di mezzi, treni e pullman, che nei prossimi mesi e anni saranno al servizio dei nostri concittadini. Ma ci vorra’ un po’ di tempo per averli perche’ per mettere in produzione 45 treni ci sono procedure tecniche complesse. Un lavoro gigantesco che fa oggi dell’Eav la piu’ importante societa’ del rapporto pubblico dell’Italia intera: abbiamo chiuso il bilancio ultimo con 35 milioni di utili, davvero un risultato eccezionale. L’iniziativa di stamane si incrocia coi i tre principali obiettivi della regione: il lavoro, il Trasporto pubblico, l’Incremento di lavori pubblici con apertura cantieri. Tre anni fa l’Eav era al bivio: doveva decidere con 600 milioni di debiti se portare i libri in tribunale. Alle spalle del risultato c’e’ la fatica. Questo risultato e’ stato conseguito senza l’aiuto di nessuno. Il governo non ci ha dato niente, abbiamo recuperato fondi dispersi dal 2012-13. Fatto un’operazione di ingegneria finanziaria con fondi di bilancio europei e nazionali. Secondo motivo di soddisfazione e’ l’apertura di 14 cantieri, avevamo un cimitero di guerra 3 anni fa. Far ripartire un cantiere bloccato da 7 anni e’ piu’ complicato che partire da zero, bisogna fare transazioni con l’azienda. Ieri sera sono stato alla stazione di Piscinola e Scampia dove stiamo facendo anche l’arredo urbano, addirittura una piazza davanti alla stazione. complessivamente sono stati fatti investimenti per 1,5 miliardi. Proseguono i lavori per ristrutturare il deposito di Ponticelli, abbiamo avuto l’autorizzazione dall’Asl e avremo anche una sala congressi adeguata. Abbiamo mantenuto l’ impegno con 30 dipendenti ex Eavbus che aspettavano la liquidazione. Oggi a conclusione di questo lavoro enorme variano un programma assunzioni. A settembre partiranno anche le procedure per il piano lavoro col Formez. Qualche decennio fa la circumvesuviana era un modello nazionale e un motivo di orgoglio, noi stiamo recuperando quella tradizione. Abbiamo un programma investimenti per l’acquisto treni e bus: 40-45 treni per 300 milioni, 50 bus nell’ambito del pacchetto di 500 bus per cui abbiamo avviato le procedure di gara. Nel frattempo Eav con bus italia partecipa alla gara per la provincia di napoli. Le commesse Eav consentono di tenere in vita Firema nel casertano”.