Riempì una palla per yoga con monossido di carbonio uccidendo moglie e figlia: a processo

Khaw Kim-sun, anestesista, è accusato di aver soffocato a morte la moglie e la figlia usando una palla per yoga riempita di gas. L’uomo è stato presentato quest’oggi davanti all’Alta Corte ed è accusato di duplice omicidio. La vicenda risale al 2015 quando la moglie e la figlia sedicenne dell’uomo furono rinvenuti in un’ auto. L’esame autoptico rivelò che le due donne erano morte per l’intossicazione da anidride carbonica. La polizia trovò una palla per yoga sgonfia nel bagagliaio della macchina. Secondo la ricostruzione, l’uomo avrebbe messo la palla piena di gas nel bagagliaio e fatto in modo che il gas fuoriuscisse. Khaw, dal canto suo, sostiene di essere innocente. Gli accusatori hanno detto oggi che Khaw, un 53enne di origine malaysiana, aveva una relazione con una studentessa e la moglie non gli avrebbe accordato il divorzio. Secondo i procuratori, inoltre, è plausibile che l’uomo non intendesse uccidere la figlia. Questo perché – secondo quanto ha riferito l’Apple Daily – l’uomo aveva chiesto alal figlia di stare a casa e finire i compiti, quel giorno. Testimoni hanno visto Khaw gonfiare due palle da yoga con il monossido di carbonio alla Chinese University, dove è un progfessore associato. L’uomo aveva detto ai colleghi di voler usare il gas su conigli, ma doppo ha sostenuto con la polizia che voleva uccidere i topi a casa.

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità