Scandalo in Regione, due dipendenti fermati in strada mentre facevano sesso nell’auto blu

Napoli. Due dipendenti sono stati fermati dai carabinieri mentre facevano sesso in una delle auto blu di servizio. Il fatto è accaduto alcuni giorni fa al quartiere Vomero. Una pattuglia di militari in normale servizio di controllo del territorio si è imbattuta in una scena surreale: i due travolti da una insolita passione ( per parafrasare il titolo del  film di Lina Wertmuller) e al fresco dell’aria condizionata nell’auto di servizio si stavano dilettando a fare sesso nonostante il caldo afoso esterno. Lei 57 anni , lui 61, come riporta in anteprima Il Roma, stava praticando sesso orale al suo compagno di lavoro e amante. Lui lavora come autista, lei invece è impiegata amministrativa. La sorpresa per i carabinieri è stata doppia perché, a parte che non si sono trovati di fronte a due giovanissimi ma a due distinte persone, hanno scoperto che entrambi erano dipendenti regionali che quell’auto era di servizio e che l’uomo a quell’ora doveva essere al lavoro solo che , come ha spiegato, siccome il dirigente per il quale lavora stava facendo una riunione di lavoro altrove, lui aveva pensato bene di incontrare la sua amante che invece aveva terminato il suo turno di lavoro alle 15. Anche lei però ha dovuto spiegare di non aver marcato il cartellino in uscita. Tra l’imbarazzo totale per i due è scattata oltre alla multa per atti osceni in luogo pubblico una denuncia per peculato d’uso (in quanto stavano utilizzando un bene pubblico) e truffa per lui (in quanto avrebbe dovuto essere in servizio). E ora si aspettano i provvedimenti della Regione Campania per i due.