A buon fine il primo trapianto facciale in Italia: è durato 27 ore

E’ tecnicamente riuscito l’intervento di Trapianto della faccia eseguito su una donna di 49 anni presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea. Alle 5 di domenica mattina, dopo 27 ore, si e’ conclusa l’operazione in cui si sono alternate in sala equipe di chirurghi, anestesisti e infermieri strumentisti. La donna, sottoposta a terapia immunosoppressiva antirigetto, e’ in coma farmacologico indotto ed e’ in isolamento in terapia intensiva in prognosi riservata. La paziente era affetta da neurofibromatosi di tipo I, una malattia genetica che causa gravi manifestazioni sulla pelle, negli occhi e nervose. Il Trapianto multitessuto, con pelle, fasce muscolari e cartilagine ha richiesto tre anni di preparazione, da parte dell’organizzazione e del personale. La donatrice e’ una 21enne morta in un incidente stradale che ha donato anche fegato e reni. Nel mondo sono gia’ stati realizzati una cinquantina di trapianti di faccia, in Europa una decina e la maggior parte di questi in Francia. “Complimenti alla squadra di medici che all’ospedale Sant’Andrea di Roma hanno scritto una nuova pagina della medicina in Italia. Un intervento di 27 ore – tecnicamente riuscito – che ha visto alternarsi chirurghi, anestetisti e infermieri per un Trapianto unico, reso possibile grazie alla generosita’ dei familiari della donatrice. La sanita’ della Regione Lazio si dimostra ancora una volta all’avanguardia, pronta a intraprendere nuove sfide per il bene dei cittadini”. Lo scrive in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.