Il primo vero Napoli di Ancelotti nasce a Torino: gli Azzurri vincono, convincono e battono 3-1 i granata

Il Napoli di Ancelotti, dopo tante prove in quest’inizio di stagione, è probabilmente nato quest’oggi alle ore 12.30 allo stadio Grande Torino. La vittoria sul Torino per 3-1 è arrivata dopo una convincente prestazione dopo lo scialbo 0-0 in Champions League contro la modesta Stella Rossa. Ancelotti ha schierato in campo una formazione piena zeppa di cambi rispetto alla partita europea di pochi giorni fa. Ed è stata proprio questa la mossa che ha letteralmente matato un Toro che nel primo tempo era molto più simile ad un agnellino. Meriti del Napoli, ovviamente ma anche del poco coraggio degli uomini di Mazzarri ad affrontare un avversario decisamente più forte.
Nella prima frazione, infatti, Insigne e compagni hanno demolito la squadra di casa. Gioco spumeggiante, come i vecchi tempi, verticalizzazioni perfette e combinazioni delle due punte effettuate in modo splendido. Verdi, Mertens e Insigne scambiandosi più volte la posizione sul terreno di gioco, hanno mandato al manicomio i difensori granata. La rete, dunque, non tarda ad arrivare. Verdi e Luperto combinano perfettamente lungo l’out di sinistra e un cross del giovane difensore partenopeo mette in crisi Moretti e Nkoulou che rinviano sui piedi proprio di Insigne, il quale non ha problemi a battere Sirigu. 1-0 per gli uomini di Ancelotti ma il risultato è molto striminzito rispetto alle occasioni create in pochissimi minuti di gioco. Ma nonostante le chances sprecate, il 2-0 azzurro arriva senza problemi: Mertens si allarga sulla sinistra lasciando spazio al centro per Verdi, che a tu per tu con Sirigu non sbaglia. Partita chiusa con doppia mandata già nel primo tempo.
Dopo un primo tempo del genere, senza sbagliare nulla e senza subire nemmeno un tiro in porta, la ripresa si apre subito con una sorpresa: Luperto, in ritardo su Berenguer, concede un penalty abbastanza ingenuamente. Belotti, freddo, non sbaglia e batte Ospina. Il Torino dopo aver accorciato le distanze, prende coraggio e avanza pericolosamente alzando il proprio baricentro. Però, nel miglior momento granata, i ragazzi di Mazzarri sbagliano clamorosamente un pallone in uscita regalondolo al Napoli: Callejon si ritrova tutto solo a calciare verso la porta di Sirigu, solo il palo salva il Toro ma sulla ribattuta Insigne è lesto a firmare la propria doppietta personale. Ancora una volta sul doppio vantaggio, il Napoli questa volta riesce a gestire molto meglio la sfera e l’unica occasione di accorciare nuovamente è sui piedi di Zaza fermato alla grande da Luperto, che rimedia all’errore precedente.
Bene, finalmente il nuovo Napoli di Ancelotti che in quest’occasione non ha veramente sbagliato nulla, sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista tattico. Ora il turno infrasettimanale, poi la Juventus. Il campionato sta entrando nel vivo, ma la lotta per lo scudetto sembra quella degli ultimi campionati. Azzurri contro Bianconeri, per una sfida oramai infinita.
Foto GettyImages