Juventus, CR7 delude ma ci pensa sempre Mandzukic: assist e gol nel 2-1 al Parma

La Juventus, a fatica, sbanca il Tardini battendo il Parma per 2-1. Le reti del match sono state di Mandzukic ad inizio primo tempo, Gervinho per il momentaneo pareggio e infine Matuidi a chiudere i conti dopo una bella giocata del solito attaccante croato.
Il primo tempo la Juventus parte fortissima trovando la rete dopo soli 180 secondi. Mandzukic, bravo a sfruttare un’indecisione tra Sepe e la difesa, firma l’1-0. Con il risultato subito sbloccato, la partita sembrerebbe in discesa per i bianconeri, i quali però non hanno fatto i conti con un ottimo Parma. Infatti, i Ducali vanno più volte vicini al pareggio prima con Di Gaudio che si divora un gol già fatto e poi con Stulac su calcio di punizione con la traversa a dirgli di no.
Queste due occasioni sono solo il preludio al pari firmato Gervinho: Gobbi va via sull’out mancino e mette un cross splendido per la testa di Inglese che anticipa Szczesny e serve l’accorrente attaccante ex Roma che deposita in rete. A fine primo tempo è ancora il Parma ad essere pericolosissimo con Rigoni che a tu per tu con il portiere bianconero si fa ipnotizzare sprecando clamorosamente la palla del vantaggio.
I primi 45 minuti sono stati belli e intensi e per questo motivo nella ripresa i ritmi sono calati tantissimo. Cristiano Ronaldo prova a siglare la prima rete italiana ma la sua mira è da rivedere. Probabilmente dopo questa gara, il portoghese sarà ancora l’attaccante con più tiri in Europa ma il dato più significativo è la tabella delle reti, ancora ferma sullo 0.
Serve un colpo di genio di Mario Mandzukic per sbloccare una partita rognosa, il quale serve in area Matuidi che fulmina con un mancino potentissimo l’incolpevole Sepe. Da qui in avanti la partita si fa brutta con troppi errori sia da una parte che dell’altra. Da segnalare solo un tiro a giro di Costa che si è stampato sul palo e l’ingresso in campo di Dybala a soli dieci minuti dal termine.
Un piccolo passo indietro per gli uomini di Allegri rispetto alla convincente vittoria con la Lazio. Dopo la sosta, con la Champions alle porte, bisognerà cambiare marcia, a partire da CR7.