A Milano il primo ristorante che si paga in base ai follower

Sarà inaugurato quest’oggi a Milano il primo ristorante d’Italia in cui sarà possibile pagare il conto con i seguaci di Instagram. L’idea è di due fratelli, Tommaso e Matteo Pittarello che apriranno questo nuovo locale in cui offriranno piatti in base al numero dei seguaci sui social.
Il sistema è molto molto semplice. Si ordina il piatto e si pubblica un post taggando il ristorante “This is not a sushi bar”, in base al numero dei seguaci si ottiene il bonus. Da 1.000 a 5mila follower si avrà un piatto gratis in più rispetto a quello già ordinato, da 5mila a 10mila due, da 10mila a 50mila quattro, da 50mila a 100mila saranno otto, oltre 100mila sarà tutto gratis. Terminata la cena il post deve essere mostrato alla cassa. Per essere valida l’opzione deve esserci, ovviamente, la foto scattata nel locale il tag alla pagina del locale e l’hashtag “#thisisnotasushibar”. “L’idea – dice Matteo Pittarello – è nata con due finalità: stimolare in maniera innovativa e inclusiva la presenza nel locale e la partecipazione dei nostri clienti, dato che oltre l’80% della nostra attività è incentrata sulla consegna a domicilio e rendere questo ristorante unico, non solo in Italia. Abbiamo scoperto che in Inghilterra è successa una cosa simile qualche anno fa, ma si trattava di un “pop-up restaurant” con finalità esclusivamente promozionali. Noi intendiamo rendere la formula permanente, per cui, salvo sorprese, dovremmo essere i primi al mondo ad utilizzare in maniera strutturata questa formula”.