De Rossi: “Il mio futuro? Lo vedo da allenatore”

Roma. E’ ormai alle battute finali la carriera di Daniele De Rossi, il capitano e centrocampista della Roma. Daniele, dal 2001 alla squadra capitolina è il giocatore con il secondo maggior numero di presenze ufficiali di sempre dopo Francesco Totti, con i giallorossi ha vinto due Coppe Italia e una Supercoppa italiana. De Rossi, il cui contratto scadrà a fine stazione, non nasconde il fatto che la sua carriera da calciatore è al tramonto. “Oh, iniziate ad abituarvi all’idea, non manca tantissimo” – dice scherzando a Roma Channel. “La Roma va avanti però, è andata avanti dopo Di Bartolomei, Conti, Giannini, dopo le peggiori delusioni – sottolinea il centrocampista -. Stiamo andando avanti anche senza Francesco Totti che è forse la cosa più dolorosa per i tifosi, figuratevi se non si può superare il post carriera del sottoscritto”. “Non voglio essere un peso, non voglio essere qualcosa che toglie, ho già le idee chiare sui prossimi anni – rivela De Rossi – Non lo dico mai, mi tengo la libertà di poter cambiare idea, sono un po’ egoista in questo. L’allenatore? Ho grande passione per questo sport, è l’unico ruolo in cui mi vedo nel futuro. Dovrò capire se avrò voglia di sottoporre la mia famiglia allo stress dei risultati, della lontananza o degli spostamenti”.