Episodio di razzismo sul pullman: “Sei di colore e di un’altra religione, vai in fondo”

Episodio di razzismo sul pullman, in particolar modo Flixibus, diretta da Trento a Roma. Una donna di 40 anni ha iniziato a inveire contro un ragazzo di colore impedendogli di sedersi al suo posto assegnato, che era accanto al suo: “Qui no, vai via, vai in fondo, sei di un altro colore e di un’altra religione”. La denuncia è partita da una ragazza trentina che ha scritto un post su Facebook, diventato subito virale.
Il ragazzo si chiama Mamadou, ha 25 anni, da 15 anni vive a Bolzano dove lavora per un’azienda che monta forni. Aveva un regolare biglietto ed è salito sul mezzo della Flixbus alla fermata di Trento diretto a Roma per incontrare un amico. Davanti alle invettive della donna è scoppiato in lacrime dicendo: “Non faccio nulla di male. Non sono cattivo. Voglio solo sedermi e riposare perchè sono stanco”. La donna non recede, nessuno interviene e a quel punto l’autista è costretto a chiamare la polizia che identifica la donna che ha pronunciato le frasi razziste. Alla fine la soluzione viene trovata proprio grazie alla giovane studentessa ferrarese che viaggiava con un’amica che accetta di cambiare il posto per il viaggio.