Individuato possibile donatore di midollo per il piccolo Alex

Crescono le speranze per il piccolo Alex, il bimbo colpito dalla linfoistiocitosi emofagocitica, grazie ad un possibile donatore. La situazione del bambino è diventata nota anche mediante i social network e questo ha generato grande solidarietà: in tanti si sono proposti come possibili donatori. Secondo quanto dichiarato dal direttore del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa “è arrivata nei giorni scorsi una richiesta di approfondimento dal Regno Unito per verificare la compatibilità di un cordone ombelicale. Quando un registro segnala una disponibilità – continua – significa che esiste già un’alta compatibilità. In questi casi non si tratta mai di tutto o niente, si tratta di capire se le cellule del donatore sono sufficientemente compatibili con quelle del paziente che deve riceverle. Questa decisione la dovranno prendere i medici inglesi che hanno in cura il piccolo”. C’è però da specificare che questo aspetto non sarebbe la risoluzione dei problemi del bimbo, ma danno sicuramente una speranza, cosa impensabile viste le premesse