Nel “Teatro dei Sogni” Dybala fa sognare i suoi: 1-0 allo United e passaggio del turno ipotecato

Prestazione di assoluto livello quella della Juventus sul campo ostico del Manchester United, l’Old Trafford. Nel “Teatro dei Sogni” a regalare un sogno è il gol di Dybala nel primo tempo che fissa il punteggio definitivo di 1-0 ipotecando con tre giornate di anticipo il passaggio agli Ottavi di Finale. Bene tutti gli uomini utilizzati da Allegri, forse unica pecca non aver chiuso un match stradominato dal primo minuto di gioco. La difficoltà di questo match poteva essere la fisicità degli uomini di Mourinho in ogni reparto del campo, ma la tecnica dei Campioni d’Italia ha raggirato questo ostacolo in modo semplicissimo.
Il primo tempo è, probabilmente, uno dei migliori in Champions League negli ultimi anni. Pressing alto, precisione nei passaggi e nelle giocate offensive, chiusure difensive impeccabile. Tutto ciò porta al vantaggio a metà frazione dei bianconeri grazie ad una bella azione imbastita dal duo portoghese Cancelo-Ronaldo, con quest’ultimo in vesti di uomo assist e Dybala in quelle di rifinitore spietato. Ma il gioco spumeggiante della Juventus è sicuramente favorito da un atteggiamento dello United troppo passivo e rinunciatario, dove Lukaku, Martial, Rashford e Pogba, ovvero gli uomini di maggiore qualità, non hanno mai impensierito la retroguardia bianconera non calciando mai in porta. E proprio per questo il risultato dei primi 45 minuti va anche un tantino stretto alla banda di Allegri, che avrebbero potuto quantomeno segnare una rete in più. Cancelo, Dybala, Ronaldo e Pjanic hanno praticamente giocato al “Torello” con i propri avversari con giocate di altissima classe e tecnica.
La ripresa ha più o meno lo stesso leiv mottiv della prima frazione: possesso bianconero a cercare la seconda rete, difesa e ripartenza dello United. E proprio le ripartenze che sono mancate nei primi 45 minuti, eccole che arrivano nel secondo tempo, creando qualche difficoltà a Chiellini e Co. Ma la prima grande chance è sui piedi di Ronaldo, bravo a cercare l’incrocio dei pali dopo un’azione spettacolare dei suoi, ma è bravissimo ancor di più De Gea a togliere la palla dal sette. Dopo una fase di stallo del match, con molti falli e molti errori sia da una parte che dall’altra, Pogba, proprio lui, dal limite dell’area calcia di sinistra e batte Szczesny ma è il palo a salvare il risultato a favore della Juventus. Unico, vero, pericolo di tutta la partita, per il resto ordinaria amministrazione con una prestazione europea in tutti i sensi. Zero gol subiti in queste prime tre giornate di Champions, la Juventus è l’unica in tutta la competizione.