Questione Juventus-Ultras, Di Lello: “Pronto a querelare Agnelli”

“Non capisco quale sia il conflitto di interessi, ma certamente Agnelli me lo spieghera’ in un processo. Querelero’ Agnelli, stiamo valutando se il processo sara’ civile o penale. Cosa vuole far credere? Che i fratelli Di Lello hanno fatto un complotto contro la povera Juventus?”. Marco Di Lello, ex membro della commissione Antimafia, ai microfoni di “Si gonfia la rete” su Radio Marte, replica al presidente della Juventus. “Non so cosa voglia dire Agnelli, ce lo spieghera’ in qualche aula. La Juve e’ vittima di un complotto dei napoletani? Mi faccio mille domande e capisco il disagio della Juve per le intercettazioni che noi conoscevamo e che oggi conoscono tutti grazie all’inchiesta di Report, ma e’ difficile addebitare a me colpe, e’ Agnelli che e’ stato sotto processo”. “Vi dico anche che volevo andare allo Juventus Stadium, ma sono stato accettato perche’ mi hanno comunicato che mi giudicavano una persona non gradita. Alla fine mi e’ stato consigliato di non alzare un polverone”, ha aggiunto Di Lello che chiude: “Se Agnelli ritiene, non ho nessuna difficolta’ nel mostrargli tutte le carte. Voglio chiarire che non sono mai stato sul banco degli imputati, in sede sportiva c’e’ stato Agnelli e la Juventus”.